Overclass Promozioni speciali Overclass Dimagrimento ed estetica: l'esperta risponde Overclass Calcola il tuo peso forma Overclass Il libro dei successi

Dicono di noi...

"Fantastico! Lo consiglio a tutti, perdi peso mangiando bene. Sono contentissima mi guardo allo specchio e mi piaccio."

Rosa L.
"A tutto lo staff solo un grazie, per la loro professionalità, pazienza ma soprattutto dolcezza."


Marty S.
"Sto ritrovando la stima in me stessa grazie a voi. Ho iniziato con mille paure x i tipi di trattamento e ora sto continuando con tanta soddisfazione."
Simo F.
"Come avrei fatto senza di voi?? Ora mi sento molto piu' sicura di me e anche un po più carina..."


Mimma G.

Al centro sei tu

Benvenuti al Centro Overclass di Rho (Milano): un'oasi di pace e relax interamente dedicata al benessere del tuo corpo e della tua mente.

La garanzia di un marchio internazionale sul mercato da più di 50 anni, unita alla più che ventennale esperienza delle titolari nel campo del rimodellamento e del benessere, fa del Centro Overclass la meta ideale per chi desidera ritornare in forma.
Il Centro Overclass, propone programmi personalizzati per il dimagrimento, la perdita controllata di peso, insieme con il rimodellamento, l'estetica e il benessere del metodo Piroche, con un mix bilanciato e completo di tecnologia all'avanguardia e prodotti di certificata qualità.

Dimagrire con Overclass

1) Prenota la tua analisi corporea gratuita e personalizzata.
2) Fissa un appuntamento, saremo a tua disposizione.
3) Vieni a conoscerci e scopri come funziona il metodo Overclass.
4) Scegli il trattamento ideale per te con i nostri esperti.

Storia della Bellezza - 2

La depilazione nella storia

 

L’abitudine di eliminare i peli superflui, per le donne, è stato un obiettivo importante anche in antichità.

Nell’antico Egitto, ad esempio, il corpo femminile doveva esprimere bellezza e purezza e quindi essere liscio e depilato, ad eccezione dell’acconciatura. Tuttavia, le donne più eleganti utilizzavano spesso una parrucca di capelli umani ed era il risultato di una doppia rasatura: quella della “ricevente” e quelle delle “donatrici”. Il taglio più diffuso prevedeva una divisa nel mezzo, sulla sommità della quale veniva posto un cono aromatico, piuttosto ingombrante, che si scioglieva con il calore e inondava progressivamente i capelli di profumo. Per il pube, invece, era adottato un composto di resina che strappava rapidamente i peli con un metodo non troppo diverso dalla ceretta.

Nella Grecia classica, l’avere troppi peli in eccesso era un’aberrazione tipica dei ceti più bassi, e questa percezione era del resto ben nota anche nell’antica Roma, dove la delicata operazione di rimozione del pelo era affidato a pinzette ad hoc.

Con il tempo, sempre a Roma, si diffusero altri pratiche depilatorie, introdotte della schiave della parte orientale dell’Impero dove, in qualche caso, la depilazione era prescritta per legge. Il sistema più diffuso era quello di un potente impacco caldo di calce e trisolfuro di arsenico che, sicuramente, faceva sparire gli inguardabili peli pubici, ma rischiava di avvelenare lentamente il corpo.

In Giappone, fino a tempi recenti, era abitudine abradere il corpo con la pelle essiccata dei pescecani che, come carta vetrata, polverizzavano il pelo. Un rimedio certo grossolano, ma che aveva il vantaggio di effettuare uno straordinario scrub levigante.

Qualche idea era efficace e interessante e andava solo messa a punto. Se vuoi saperne di più su come liberarti dai peli superflui, anche quelli più antichi, chiedi consiglio al centro Overclass di Rho: vedrai che, insieme, la spuntiamo…

[di più]

Storia della Bellezza - 1

La cosmesi nell'antichità


In passato, come oggi, si dava molta importanza al trucco, alla depilazione e alla cura del viso e del corpo.

Le donne, in particolare, per apparire più belle e giovani, ricorrevano spesso a pratiche estetiche, grazie all’utilizzo di creme e unguenti realizzate con erbe e altri prodotti della natura. I prodotti cosmetici come creme, fondotinta e ombretti, sotto forma di polvere, si utilizzavano al momento e nella quantità necessaria impastandoli spesso con la saliva. Anche le maschere erano preparate a base di prodotti vegetali come miele e farina, con aggiunta di sostanze oleose come midollo di vari animali, sterco, sego, aggiungendo alla fine sostanze profumate.

In epoca romana, per il fondotinta, si usava una specie di cerone composto da biacca e carbonato di piombo, mescolato con miele o altre sostanze grasse, dannoso per la salute ma dagli effetti sicuramente sorprendenti. Per la cura del viso, invece, veniva usato il psymithion, un impacco a base di argilla e terre bianche. Per scurire e marcare di più le sopracciglia, era utilizzato l’antimonio oppure il nerofumo mentre per gli ombretti si usava la malachite (carbonato di rame, dal caratteristico colore verde), l’azzurrite tritata finemente e lo zafferano per il giallo. Per colorare le guance era usato il phukos e per le labbra il miltos, a base di alghe marine.

Col tempi, molti di questi metodo sono stati naturalmente abbandonati, perché talora poco igienici, sgradevoli e, in qualche caso, pericolosi. Tuttavia, alcune intuizioni sono tutt’oggi alla base di molti trattamenti e l’esperienza ha portato a perfezionare queste metodologie che rappresentano l’evoluzione delle tecniche più funzionali, utili e sicure. Le stesse che trovate anche da Overclass.


ph: Wikipedia

[di più]
Archivio news